Pier78

Whatsapp cancella i costi di abbonamento annuali

Whatsapp ha annunciato un cambiamento radicale nel modello di business. Il popolare servizio di messaggistica istantanea per dispositivi mobili ha deciso di annullare i costi di abbonamento annuale per usufruire dell’applicazione.

Facebook, che ha acquistato Whatsapp nel 2014, aveva imposto agli utenti l’uso gratuito dell’applicazione per un anno al termine del quale sarebbe stato previsto il rinnovo per 0,99 euro.

Una scelta che aveva fatto storcere il naso agli utenti e che, insieme a diversi altri problemi legati alla sicurezza, stavano spostando la clientela su piattaforme gratuite e più sicure (come Telegram).

Il costo del rinnovo, in sé, non è particolarmente oneroso ma impedisce l’accesso agli utenti che non hanno carta di credito e non dispongono di altri validi metodi di pagamento per cui è stato deciso che il costo dell’abbonamento sarà cancellato.

Ma Whatsapp dove prenderà i soldi per continuare? Adottando un modello di business differente, con l’integrazione del servizio rivolta a banche o compagnie aeree che potranno interagire con gli utenti per comunicare operazioni contabili e tentativi di frode, ritardi o cancellazione dei voli senza includere fastidiosi banner pubblicitari che potrebbero compromettere i rapporti tra gli utenti e l’applicazione.

A partire da quest’anno metteremo alla prova strumenti che permettono di utilizzare Whatsapp come un servizio per le imprese con cui si voglia interagire. Le banche potranno comunicare le operazioni recenti o le compagnie aeree segnalare un ritardo. Questi messaggi che si ricevono tramite altri servizi possono essere convogliati su Whatsapp e l’intento è quello di offrire un’esperienza d’uso migliore ma senza banner o spam.

Whatsapp ha circa 900 milioni di utenti attivi ed è una delle applicazioni chat più grandi e più utilizzate. Ora che diventa completamente gratuita il numero di utenti può crescere ancora nonostante i progressi dei concorrenti.

Pier

Mi chiamo Pierpaolo ma per tutti, da sempre, sono Pier. L'anagrafe dice che io sia nato - come suggerisce il sito - nel 1978 ma spesso ho dei dubbi. Da sempre sono appassionato di tecnologia. Nel 2005 mi sono innamorato di Apple e da allora non ho mai smesso di seguirla.
Sono editor su iSpazio, il primo blog italiano del mondo Apple per cui pubblico notizie e redazionali.
Sono papà di Leonardo, il mio amore più grande.
Le mie altre passioni sono la lettura e la scrittura. Mi piace la musica e il calcio. Tifoso della Juventus, sono stato arbitro di calcio, cosa che mi ha permesso di mettere un po' da parte il tifo e vedere lo sport da un'altra angolazione.

Seguimi su Instagram

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.