Pier78

Un giorno, tre autunni di mancanza

Esiste un’espressione cinese che, in pochi caratteri o logogrammi, esprime un concetto di una portata devastante quale la mancanza di qualcuno.

日三秋 è l’espressione che viene tradotta in “un giorno dura tre autunni” quando si vuole dire che qualcuno manca talmente tanto che ogni giorno passato senza quella persona potrebbe essere equivalente a tre anni. Anzi, a tre autunni.

Come lunghezza temporale anni o autunni si equivalgono, come quando si parla di primavere, riferendosi all’età. Ma se tre anni sono lunghi, nell’espressione cinese si considera solo la stagione più malinconica delle quattro, andando a rafforzare il concetto della mancanza.

L’autunno sarà anche ricco di colori ma è il momento in cui le foglie cadono, arrivano le nebbie, le piogge, i primi brividi del freddo. E’ la stagione della nostalgia, dell’euforia estiva che si smorza, quella in cui si sente di più l’assenza di qualcuno.

Un giorno, ma anche un’ora senza te equivale a tre autunni.

Pier

Mi chiamo Pierpaolo ma per tutti, da sempre, sono Pier. L'anagrafe dice che io sia nato - come suggerisce il sito - nel 1978 ma spesso ho dei dubbi. Da sempre sono appassionato di tecnologia. Nel 2005 mi sono innamorato di Apple e da allora non ho mai smesso di seguirla.
Sono editor su iSpazio, il primo blog italiano del mondo Apple per cui pubblico notizie e redazionali.
Sono papà di Leonardo, il mio amore più grande.
Le mie altre passioni sono la lettura e la scrittura. Mi piace la musica e il calcio. Tifoso della Juventus, sono stato arbitro di calcio, cosa che mi ha permesso di mettere un po' da parte il tifo e vedere lo sport da un'altra angolazione.

Seguimi su Instagram

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.