Pier78

Si accettano miracoli, la mia recensione sul film

Si accettano miracoli
Si accettano miracoli, un film dalla comicità scarsa e già vista che mi ha deluso su tutta la linea.

In una delle tante notti in cui ho faticato a prendere sonno, ho scelto di guardare “Si accettano miracoli” per aspettare di addormentarmi.

Penso che tra tutti i titoli disponibili su Netflix, la scelta sia stata tra le peggiori possibili. De Luigi mi è sempre piaciuto, Siani forse mai ma speravo che insieme le sorti si equilibrassero ed invece il risultato è stato tra i peggiori che potessi sperare.

La trama di “Si accettano miracoli”

Si accettano miracoliFulvio è l’unico dei tre fratelli Canfora ad aver lasciato il paese d’origine per andare a lavorare in città.

Vicecapo del personale in una grande azienda licenzia senza rimorsi fino a che non è lui stesso ad essere licenziato e, dopo essere finito in carcere per aver picchiato il proprio superiore, viene affidato al fratello, da anni parroco del paese in cui sono cresciuti.

Costretto in un luogo lontano da ogni modernità Fulvio decide di aiutare la chiesa locale in crisi di fondi inventandosi un miracolo: fa credere a tutti che la statua del santo pianga.

Accorrono così turisti e pellegrini riempiendo le tasche degli esercizi locali fino a che il Vaticano non decide di mandare qualcuno a certificare l’evento, momento in cui Fulvio dovrà confessare la truffa e tutto il paese si armerà per convincere gli inviati della Santa Sede della veridicità del miracolo inventato.

Regia: Alessandro Siani

Genere: commedia

Durata: 110 minuti

Cast: Alessandro Siani, Fabio De Luigi, Ana Caterina Morariu, Serena Autieri, Giovanni Esposito, Maria Del Monte, Paolo Triestino, Benedetto Casillo, Massimiliano Gallo, Mimmo Manfredi, Francesco Procopio, Tommaso Bianco, Giacomo Rizzo

Anno: 2015

Paese: Italia

La mia opinione

Come dicevo in apertura, speravo che “Si accettano miracoli” fosse un film piacevole, divertente che mi facesse anche rivalutare la bassa stima ed opinione che ho per Alessandro Siani. Come non detto.

Non so, praticamente del film non mi è piaciuto nulla, tanto meno l’uso di barzellette già vecchie come battute infilate nel copione come ad esempio quella d’apertura.

L’ho trovato talmente banale, vuoto, senza significato che ho provato a guardarlo in due intervalli – pomeriggio e sera – con lo stesso risultato. Cioè spegnere e dedicarmi ad altro.

Sarà l’antipatia che nutro verso Siani a non avermi fatto piacere né “Si accettano miracoli” né altri film con lui tra i protagonisti. Se però nei due “Benvenuti al Sud/Nord” quello che speravo facesse De Luigi è riuscito a farlo Bisio, qui non è successa la stessa cosa.

Ovvero, non è bastata la presenza di De Luigi, con la sua comicità, a farmi piacere il film che affianco ad un altro pessimo titolo che mi rammarico di aver visto, “Ma tu di che segno 6?“. Ed è difficile, per me, non riuscire ad arrivare alla fine di un film, anche brutto.

Si accettano miracoli, un film dalla comicità scarsa e già vista che mi ha deluso su tutta la linea. In una delle tante notti in cui ho faticato a prendere sonno, ho scelto di guardare "Si accettano miracoli" per aspettare di addormentarmi. Penso che tra tutti i titoli disponibili su Netflix, la scelta sia stata tra le peggiori possibili. De Luigi mi è sempre piaciuto, Siani forse mai ma speravo che insieme le sorti si equilibrassero ed invece il risultato è stato tra i peggiori che potessi sperare. La trama di "Si accettano miracoli" Fulvio è l'unico dei tre fratelli Canfora…

Non sono riuscito a finirlo

Regia - 2
Interpretazione - 1.5
Trama - 2

1.8

Pessimo

Il fatto che non sia riuscito a finirlo non implica che non possa esprimere un giudizio. Una comicità stereotipata, basata su espedienti che non fanno ridere né divertono.

User Rating: Be the first one !

Pier

Mi chiamo Pierpaolo ma per tutti, da sempre, sono Pier. L'anagrafe dice che io sia nato - come suggerisce il sito - nel 1978 ma spesso ho dei dubbi. Da sempre sono appassionato di tecnologia. Nel 2005 mi sono innamorato di Apple e da allora non ho mai smesso di seguirla.
Sono editor su iSpazio, il primo blog italiano del mondo Apple per cui pubblico notizie e redazionali.
Sono papà di Leonardo, il mio amore più grande.
Le mie altre passioni sono la lettura e la scrittura. Mi piace la musica e il calcio. Tifoso della Juventus, sono stato arbitro di calcio, cosa che mi ha permesso di mettere un po' da parte il tifo e vedere lo sport da un'altra angolazione.

Seguimi su Instagram

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.