Pier78

Pezzi da 90, il romanzo di Stefano Marelli [Recensione]

Durante queste feste appena trascorse, grazie a Kindle Unlimited e soprattutto grazie al prezioso Kindle Paperwhite regalatomi da un Amico, ho avuto modo di leggere un pochino di più.

Prima “Tsunamore” di Sara D’Amario e poi “Altre stelle uruguayane” e, in ultimo, “Pezzi da 90” entrambi di Stefano Marelli.

Il primo mi era piaciuto abbastanza, ma aveva potenzialità inespresse che mi hanno lasciato a bocca asciutta. “Pezzi da 90” invece riguarda sempre il mondo del calcio come il primo, ma percorre una strada parallela che sfiora, accarezza, tocca il pallone, lo fa divenire l’argomento principale ma senza il bisogno d’essere intenditori di calcio per leggerlo.

Luisito Monti, Omar Sivori, Roberto Baggio. Ma anche un arbitro, un poliziotto, un militare che distribuisce caffè. Passando per uno sceicco, Don Diego Maradona e Bora Milutinovic. Questi, e molti altri ancora, sono i personaggi che popolano il libro. Attraverso i loro occhi, le loro parole, a volte le lacrime, più spesso le incazzature, riviviamo la storia della Coppa del mondo di calcio. Dagli incontri con trecento spettatori presenti, alle dirette con centoventi telecamere e due miliardi di persone aggrappate allo schermo. Palloni che sotto la pioggia triplicavano di peso, e sfere perfette costituite da materiali scelti da un computer. Ma con traiettorie da umiliare un Super Tele. Furti, sviste, dittatori. Il Maracazano e i gol di Fontaine. La punizione dal limite per il Brasile calciata da un difensore dello Zaire, evaso dalla barriera scattando come Jesse Owens. Tribune e spogliatoi. Ospedali e aeroplani. Storia e affabulazione si mescolano come vodka e succo d’arancia. Confessioni, dialoghi e ritratti di outsider e fuoriclasse. Per ricordarci come è bello, ogni quattro anni, spararsi i Mondiali di pallone.

“Pezzi da 90” non mi ha fatto impazzire, è un libro leggero che si legge abbastanza velocemente nel senso che è semplice e scorrevole. Diari dei protagonisti diretti ed indiretti con il calcio come tema principale e punti di vista sempre differenti che riescono a coinvolgere nella lettura senza annoiare.

Acquistano particolare spessore i primi brani, le prime pagine, in cui l’atmosfera sembra epica, con romanticismo d’altri tempi che sbiadisce piano piano come il fascino del calcio dei giorni nostri.

Una raccolta interessante che dimostra una grande attenzione ai dettagli, un’imponente ricerca d’archivio che lascia un buon sapore durante la lettura ma sparisce alla fine, lasciando parzialmente sazi.

E’ il secondo libro di Stefano Marelli che ho letto e non saprei definire quale sia migliore ma, come accaduto per il primo, alla conclusione non mi ha lasciato praticamente nulla da ricordare. Questo non significa che sia una brutta lettura solo che manca di spessore nonostante l’idea sia interessante e, anche questa volta, con potenzialità immense ma non sfruttate.

Durante queste feste appena trascorse, grazie a Kindle Unlimited e soprattutto grazie al prezioso Kindle Paperwhite regalatomi da un Amico, ho avuto modo di leggere un pochino di più. Prima "Tsunamore" di Sara D'Amario e poi "Altre stelle uruguayane" e, in ultimo, "Pezzi da 90" entrambi di Stefano Marelli. Il primo mi era piaciuto abbastanza, ma aveva potenzialità inespresse che mi hanno lasciato a bocca asciutta. "Pezzi da 90" invece riguarda sempre il mondo del calcio come il primo, ma percorre una strada parallela che sfiora, accarezza, tocca il pallone, lo fa divenire l'argomento principale ma senza il bisogno d'essere intenditori…

Non mi ha lasciato nulla

Trama - 5.5
Stile - 7
Contenuti - 6
Piacevolezza - 5.5

6

Così così

Marelli offre sempre storie con grandi potenzialità che però sembra non sfruttare fino in fondo. Solo un libro in più nella mia libreria.

User Rating: Be the first one !

Pier

Mi chiamo Pierpaolo ma per tutti, da sempre, sono Pier. L'anagrafe dice che io sia nato - come suggerisce il sito - nel 1978 ma spesso ho dei dubbi. Da sempre sono appassionato di tecnologia. Nel 2005 mi sono innamorato di Apple e da allora non ho mai smesso di seguirla.
Sono editor su iSpazio, il primo blog italiano del mondo Apple per cui pubblico notizie e redazionali.
Sono papà di Leonardo, il mio amore più grande.
Le mie altre passioni sono la lettura e la scrittura. Mi piace la musica e il calcio. Tifoso della Juventus, sono stato arbitro di calcio, cosa che mi ha permesso di vedere lo sport da un'altra angolazione.

Seguimi su Instagram

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.