Pier78

La tua famiglia è pronta per un animale domestico?

animale domestico
Sei segnali per scoprire se la tua famiglia sia pronta ad adottare un animale domestico.

Stai passeggiando lungo la strada con tuo figlio o con tua figlia ed incroci qualcuno che sta portando il proprio cane a fare una passeggiata. Tuo figlio guarda il cane e poi alza lo sguardo verso di te, ponendoti la fatidica domanda “Papà, possiamo avere un cane?”

La possibilità di avere un animale in casa apre nuovi scenari con un misto di euforia e preoccupazione.

Aspetta prima di rispondere immediatamente sì o no perché, che sia un cane, un gatto o qualsiasi altro animale domestico a diventare un nuovo membro della famiglia bisogna considerare l’enorme responsabilità che ne consegue e c’è bisogno del giusto tempo di valutazione e i successivi sei aspetti possono darti una mano a prendere la giusta decisione.

1. Disponibilità di spazio per il tuo animale domestico

La prima valutazione da fare sull’adozione di un animale domestico riguarda la disponibilità di spazio. E’ importante ma non fondamentale avere un giardino o un cortile privato per lasciare il tuo nuovo amico all’aria aperta senza che ci siano pericoli né per lui né per gli altri.

Però potresti sceglierne uno anche abitando in un appartamento, valutando bene le dimensioni della tua casa e dell’animale che andrai a scegliere.

Se abitassi in una casa piuttosto piccola, magari potresti preferire un gatto ad un cane oppure un cane di taglia medio/piccola. In appartamento invece controlla prima le regole condominiali prima di trovarti a litigare con i tuoi vicini di casa.

2. Controlla le allergie

Se non hai mai avuto un animale domestico, assicurati che nessuno della tua famiglia abbia allergie a cani o gatti. Negli Stati Uniti il 15% della popolazione è allergico a cani o gatti.

Verifica prima di tutto le condizioni dei familiari più anziani mentre i bambini sviluppano le allergie con la crescita e potrebbero anche diventare immuni verso certi allergeni.

3. Hai abbastanza tempo libero?

Un animale domestico, il cane soprattutto, necessita di tempo per prendersi cura di lui.

Tempo che dev’essere destinato alla sua educazione, alla sua alimentazione e alla salute come tutti i membri della famiglia. In casa ci dovrebbero essere almeno un paio di persone con un tempo sufficiente per prendersene cura, quotidianamente.

Se non hai spazio all’aperto dovrai trovare tempo e modo per uscire di casa e attendere che possa espletare le sue esigenze fisiologiche.

La consapevolezza di avere tempo da dedicare al tuo nuovo amico vi renderà inseparabili.

4. Disponibilità economica

Indipendentemente dalle spese di adozione, la presenza di un animale domestico incide sulle finanze familiari. Perché scegliendo un cane, un gatto, un coniglio, pappagallo o qualsiasi altro animale, dovrai provvedere alla sua alimentazione e alle sue cure.

Cani e gatti solitamente devono essere vaccinati, hanno bisogno di cure per le pulci, prodotti per la pulizia, visite di routine e visite straordinarie in caso di emergenza.

Quando si sceglie di adottare un amico peloso o piumato l’aspetto economico va considerato per essere in grado di provvedere al suo benessere.

5. Tutta la famiglia è d’accordo

Hai un giardino, hai tempo da dedicargli, nessuno è allergico al pelo e puoi permetterti le cure. Ma tutta la famiglia è d’accordo? Immagina che per soddisfare la volontà di tuo figlio, insieme a lui scegliete di adottare un labrador. E se, per esempio, tua moglie avesse il terrore dei cani di grossa taglia?

Chi adotta un animale spesso crede che tutti amino gli animali allo stesso suo modo, ma non è così e certi timori – prima sconosciuti – potrebbero venire a galla solo a fatto compiuto con una crisi all’interno delle mura domestiche.

Prima di decidere, consultati con tutti i membri della tua famiglia.

6. Sei disponibile ad imparare

Non è solo l’animale domestico a dover essere istruito, anche tu – come suo amico – dovrai essere pronto ad imparare come tenerli sani e al sicuro, la migliore alimentazione e, visto che non possono parlare, comprendere quando sia il caso di farli visitare da un veterinario.

La famiglia dovrà essere disposta ad apprendere i metodi di educazione da impartire al cane o al gatto senza sperare che, affidandosi al caso, vada tutto bene.

Ricorda anche quanto sia importante responsabilizzare tutti i componenti per il bene del tuo, vostro nuovo amico. Se tuo figlio volesse un cane, mettilo di fronte alle responsabilità che dovrà prendersi senza che qualcuno sia sempre disposto a sostituirlo e sollevarlo dai propri doveri.

Pier

Mi chiamo Pierpaolo ma per tutti, da sempre, sono Pier. L'anagrafe dice che io sia nato - come suggerisce il sito - nel 1978 ma spesso ho dei dubbi. Da sempre sono appassionato di tecnologia. Nel 2005 mi sono innamorato di Apple e da allora non ho mai smesso di seguirla.
Sono editor su iSpazio, il primo blog italiano del mondo Apple per cui pubblico notizie e redazionali.
Sono papà di Leonardo, il mio amore più grande.
Le mie altre passioni sono la lettura e la scrittura. Mi piace la musica e il calcio. Tifoso della Juventus, sono stato arbitro di calcio, cosa che mi ha permesso di mettere un po' da parte il tifo e vedere lo sport da un'altra angolazione.

Seguimi su Instagram

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.