Pier78

Spam in lingua corretta, i cyber criminali imparano meglio le lingue

I criminali informatici si stanno evolvendo e le forme di spam geolocalizzato migliorano nella forma per risultare sempre più attendibile.

Secondo una ricerca condotta da Sophos, azienda specializzata in software per la sicurezza, i criminali informatici e il cyber crimine si stanno evolvendo con la stessa dinamicità che caratterizza le imprese regolari con lo scopo di mantenere elevato il giro d’affari che le caratterizza.

Se, fino ad ora, siamo stati abituati a ricevere spam facilmente riconoscibile per via degli errori d’ortografia e l’uso di un italiano scorretto o sconclusionato, dovremo aumentare l’attenzione verso le mail spazzatura che regolarmente vengono recapitate al nostro indirizzo di posta con lo scopo di ottenere dati sensibili come username e password legati, nella maggior parte dei casi, ad account di siti in cui è possibile effettuare acquisti e quindi alla carta di credito.

I cyber criminali stanno migliorando l’uso della dialettica, migliorando la loro “compatibilità culturale” per inviare e-mail attendibili a cui sia più facile credere e “abboccare”.

Massima attenzione quindi alle e-mail che arrivano dal circuito della carta di credito, servizi postali, agenzie fiscali, banche, forze dell’ordine, fornitori di energia elettrica, gas, acqua, telefono ma anche corrieri e via dicendo. E’ stato riscontrato infatti un aumento di spam con una grammatica e un’ortografia priva di errori che inducono gli utenti a fidarsi e cliccare sui link proposti.

spam

Se ricevete una mail per cui nutrite un dubbio, non cliccate sui link proposti all’interno del messaggio ma recatevi direttamente sul sito ufficiale del mittente, se ci fosse qualche comunicazione importante sicuramente nella comunicazione interna troverete lo stesso messaggio che vi è arrivato per posta. Altrimenti, prima di cliccare, posizionate il puntatore del mouse sul link e in automatico il programma di posta dovrebbe presentarvi il percorso a cui sarete diretti una volta cliccato.

Come nell’esempio qui sopra, una presunta mail di Apple mi avvisa di un pagamento sospetto e mi invita a cliccare sul link per annullare il pagamento ma la finestra con il percorso del link mi aiuta a capire che la mail, per quanto possa essere corretta, non mi rimanderebbe alla gestione del mio account su Apple ma su quel sito sconosciuto e dal nome impronunciabile in cui qualcuno aspetta ardentemente di ottenere i miei dati d’accesso.

Pier

Mi chiamo Pierpaolo ma per tutti, da sempre, sono Pier. L'anagrafe dice che io sia nato - come suggerisce il sito - nel 1978 ma spesso ho dei dubbi. Da sempre sono appassionato di tecnologia. Nel 2005 mi sono innamorato di Apple e da allora non ho mai smesso di seguirla.
Sono editor su iSpazio, il primo blog italiano del mondo Apple per cui pubblico notizie e redazionali.
Sono papà di Leonardo, il mio amore più grande.
Le mie altre passioni sono la lettura e la scrittura. Mi piace la musica e il calcio. Tifoso della Juventus, sono stato arbitro di calcio, cosa che mi ha permesso di mettere un po' da parte il tifo e vedere lo sport da un'altra angolazione.

Seguimi su Instagram

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.