Pier78

Desiderare, una parola straordinaria

desiderare

Ho sempre cercato di utilizzare nel mio lessico le parole giuste, al posto giusto, cercando di sapere o scoprire il loro significato per poterle usare nel modo migliore.

Desiderare è una delle parole che, scoprendo il suo significato, posso definire davvero straordinaria. Desiderare va oltre il semplice pensiero di voler ottenere qualcosa, che sia materiale o morale e spazia nell’infinito. Il significato di una parola non è solo quello che gli viene attribuito in un discorso ma trova origine nelle emozioni che l’hanno fatta nascere.

Secondo l’etimologia della parola, desiderare deriva dal latino ed è una parola formata da sidus/sideris (stella) e preceduta dal privativo de che indica una mancanza. Così composta, la parola desiderare indica l’impossibilità di trovare, osservando la volta celeste, la posizione degli astri per trovare dei riferimenti, direzioni o presagi.

In altri termini invece, Giulio Cesare nel De Bello Gallico parla dei desiderantes la cui immagine è ancora più romantica. I desiderantes erano quei soldati che aspettavano tutta la notte, quindi sotto le stelle, i compagni che non erano rientrati da una battaglia. Restavano sotto il cielo, in attesa, in un misto di paura, disorientamento, nostalgia e lontananza.

Desiderare diventa una ricerca per riuscire a trovare la propria stella, un’attesa anche estenuante fino a trovare ciò che è necessario alla vita.

Come spiega Massimo Recalcati nel libro «Ritratti del desiderio», la parola “desiderio”, e quindi desiderare, porta già nel suo etimo la dimensione della veglia e dell’attesa, dell’orizzonte aperto e stellare, dell’avvertimento positivo di una mancanza che sospinge la ricerca. Il desiderio non può essere confuso con il godimento autistico, non è volontà di godere, non è appropriazione delle risorse, accaparramento della terra, dominio, sopraffazione, sfruttamento. Il desiderio porta sempre con sé una povertà – una lontananza – che è un tesoro.

Quando dico e penso che ti desidero, è perché non sei qui e mi manchi tremendamente.

Pier

Mi chiamo Pierpaolo ma per tutti, da sempre, sono Pier. L'anagrafe dice che io sia nato - come suggerisce il sito - nel 1978 ma spesso ho dei dubbi. Da sempre sono appassionato di tecnologia. Nel 2005 mi sono innamorato di Apple e da allora non ho mai smesso di seguirla.
Sono editor su iSpazio, il primo blog italiano del mondo Apple per cui pubblico notizie e redazionali.
Sono papà di Leonardo, il mio amore più grande.
Le mie altre passioni sono la lettura e la scrittura. Mi piace la musica e il calcio. Tifoso della Juventus, sono stato arbitro di calcio, cosa che mi ha permesso di vedere lo sport da un'altra angolazione.

Seguimi su Instagram

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.