Pier78

Come addolcire abbastanza velocemente una persona arrabbiata con te

persona arrabbiata
Quattro semplici consigli per trasformare e addolcire l’atteggiamento di una persona arrabbiata, con te o in generale, per un motivo qualsiasi.

Ci siamo trovati tutti nella situazione di avere a che fare con una persona arrabbiata. Che sia il coniuge, un amico, un collega o un estraneo non fa differenza.

Se sei il tipo di persona che vorrebbe circondarsi di persone felici e che ama la tranquillità, questa condizione ti farà sentire a disagio.

Ma il problema si può risolvere abbastanza rapidamente, migliorando la propria condizione e quella altrui.

Come addolcire una persona arrabbiata con te?

E’ chiaro che ogni persona, così come ogni situazione sono uniche e si dovrà stabilire, di volta in volta, come agire. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, si possono applicare quattro semplici suggerimenti.

1. Evita le ritorsioni

Non importa ciò che una persona possa fare. Se vuoi calmare una persona arrabbiata non pensare di passare al contrattacco. Questo atteggiamento la renderà ancora più furiosa.

Immagina di essere alla guida e qualcuno, dietro di te e con una certa fretta, sia arrabbiato perché guidi lentamente. Ti sorpassa e nel farlo, magari, ti lancia un’occhiataccia (per usare un eufemismo).

Se, per ripicca, decidessi di superarlo nuovamente e intralciargli il cammino questo lo renderà isterico. Sarebbe la mossa peggiore. Meglio lasciarlo andare in modo che plachi la sua rabbia da solo.

Questo per dire che non si dovrebbe mai reagire con una ritorsione verso una persona arrabbiata. Anche se pensi ti abbia mancato di rispetto.

Metti da parte l’orgoglio e passa oltre oppure, come direbbe Dante, “non ragioniam di lor, ma guarda e passa“.

2. Dimostrati interessato

Invece di farti prendere dal nervoso, mostra alla persona arrabbiata interesse e preoccupazione per la sua situazione.

Capirai che molte persone sono arrabbiate perché si sentono incomprese. Offri loro il tuo tempo per ascoltarli e vedrai che cambieranno atteggiamento chiedendo:

  • Puoi dirmi cosa succede? Forse ti posso aiutare;
  • Mi spiace che tu la pensi così. C’è qualcosa che possa fare?
  • Quello che ti è accaduto è terribile. Come ti senti?

Poche domande, semplici, possono essere sufficienti perché il tuo interlocutore si apra e accetti di parlare. Spiegando i motivi dell’arrabbiatura, forse non potrai aiutarlo davvero ma l’altra persona si sentirà più leggera.

3. Esponi il tuo lato umano

Se l’altra persone muove delle critiche verso di te, il modo più semplice per placare la sua ira è mostrare il proprio lato umano.

Non dev’essere una tattica subdola ma un atteggiamento reale, altrimenti il rischio è che l’altra persona si senta presa in giro.

Spiega come la sua rabbia ti faccia sentire: spaventato, confuso, ansioso, triste e che quello che hai detto o fatto non avrebbe dovuto avere nessun fine negativo nei confronti dell’altro.

4. Alleggerisci l’atmosfera

Attenzione, questo punto è molto delicato perché è come camminare in equilibrio su un filo che attraversa un burrone.

Considera la possibilità di fare una battuta, raccontare un aneddoto divertente o una barzelletta per stemperare la tensione.

E’ una tecnica utile ma bisogna conoscere bene l’altra persona per sapere come prenderà il tuo tentativo. Il rischio è che creda che tu non voglia prendere seriamente il suo problema, aumentando la sua rabbia.

Non lasciare che gli altri rovinino le tue giornate

Quando le hai provate tutte ma non riesci a cambiare la situazione, consolati con la consapevolezza che nessuno può controllare le emozioni degli altri.

Può darsi che, nonostante tutto il tuo impegno, una persona arrabbiata voglia rimanere arrabbiata.

A questo punto però non lasciare che la sua condizione rovini anche la tua giornata.

Tu resta sempre gentile e alla fine, probabilmente, verrai premiato.

Via

Pier

Mi chiamo Pierpaolo ma per tutti, da sempre, sono Pier. L'anagrafe dice che io sia nato - come suggerisce il sito - nel 1978 ma spesso ho dei dubbi. Da sempre sono appassionato di tecnologia. Nel 2005 mi sono innamorato di Apple e da allora non ho mai smesso di seguirla.
Sono editor su iSpazio, il primo blog italiano del mondo Apple per cui pubblico notizie e redazionali.
Sono papà di Leonardo, il mio amore più grande.
Le mie altre passioni sono la lettura e la scrittura. Mi piace la musica e il calcio. Tifoso della Juventus, sono stato arbitro di calcio, cosa che mi ha permesso di mettere un po' da parte il tifo e vedere lo sport da un'altra angolazione.

Seguimi su Instagram

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.